Organizzatori

Il festival internazionale di documentari di autrici donne DocuDonna è organizzato dall’associazione culturale Gremigna che ha sede in Toscana, a Massa Marittima in provincia di Grosseto. Il festival è organizzato in partnership con il Comune di Massa Marittima.

Obiettivi

L’idea di un festival di documentari dedicato alle registe nasce dalla volontà di “dare attenzione” non solo alla loro diversificata produzione cinematografica ma anche dal desiderio di creare un momento di riflessione sul variopinto sguardo interiore femminile. Il festival come occasione per promuovere un innovativo dialogo fra i generi. Negli ultimi anni anche i festival cinematografici internazionali più importanti stanno dedicando la dovuta attenzione al documentario in quanto consente di esplorare territori espressivi liberi e svincolati dai rigidi codici del canone. DocuDonna introduce nel programma dei festival italiani e internazionali un nuovo appuntamento dedicato alla promozione e valorizzazione del documentario realizzato dalle donne. Un patrimonio di immagini, sensibilità e punti di vista, disseminato in un’industria culturale a dominanza maschile, ricompattato in un evento, che si propone di intercettare una produzione cinematografica d’avanguardia: il documentario come linguaggio originale e innovativo spesso sotterraneo e poco riconosciuto.

Data e durata

La seconda edizione di DocuDonna si terrà il 24 ottobre Massa Marittima e il 27 novembre a Firenze 2020.

Programma

a) Premio miglior documentario internazionale:
 Sezione competitiva dedicata alle registe italiane che presenteranno opere prime e seconde, a nuove autrici o a film innovativi per altri punti di vista.

b) Premio miglior documentario nazionale: Sezione competitiva dedicata alle registe internazionali che presenteranno opere prime e seconde, a nuove autrici o a film innovativi per altri punti di vista.

Iscrizione

a) L’iscrizione ha un costo di 10€ (euro dieci/00) attraverso la piattaforma FilmFreeway.

b) La selezione dei film avviene a cura e giudizio insindacabile della direzione del festival) Possono partecipare al concorso i documentari terminati dopo il 1° gennaio 2018.

c) La richiesta di iscrizione al festival deve essere inoltrata a mezzo della scheda ufficiale di iscrizione, compilabile online sulle piattaforme FilmFreeway.

d) I titolari delle opere che intendono partecipare al festival dovranno, entro e non oltre il 30 giugno 2020, inviare un dvd o un link streaming o caricare un file seguendo le procedure indicate nell’entry form delle piattaforma FilmFreeway.

e) Agli autori dei film in lingua diversa dall’italiano e non sottotitolati in italiano, o in inglese è richiesto di inviare unitamente al dvd/link una lista dialoghi in italiano, in inglese. In caso di selezione, le copie di proiezione dei film italiani dovranno essere corredate da sottotitoli in lingua inglese.

f) La direzione del festival nominerà una giuria internazionale composta da almeno tre persone incaricate di assegnare il premio per il miglior film.

g) È possibile l’attivazione di un premio del pubblico che potrà essere intestato e sostenuto da uno degli sponsor del festival.

h) In caso di invio tramite posta (farà fede il timbro postale), il DVD del film dovrà pervenire al seguente indirizzo:
DocuDonna, Podere Campo La Casa, 16 58040 Tatti, Massa Marittima, (GR) ITALIA

Film invitati e trasporto delle copie

a) Solo per le opere invitate al festival, l’Ufficio Programmazione si occuperà di richiedere una documentazione completa fornendo un elenco dei materiali richiesti. Di essi si intende autorizzata e gratuita la pubblicazione, sia per il catalogo che a scopi promozionali a mezzo stampa e web.

b) Il materiale informativo e fotografico eventualmente mancante dovrà pervenire tassativamente entro una settimana dalla data della comunicazione dell’avvenuta selezione.

c) Le spese di trasporto di tutti i materiali per la selezione sono a carico dei partecipanti. I materiali dei film non ammessi al festival non saranno restituiti e gli aventi diritto si impegnano ad autorizzarne il deposito e la conservazione presso l’archivio del festival DocuDonna ad esclusivi fini di studio, catalogazione e segnalazione ad altri festival. L’archivio sarà mantenuto in un apposito fondo disponibile per la consultazione gratuita.

Proiezione dei film

a) Il calendario e gli orari delle proiezioni sono di esclusiva competenza della Direzione del festival.

b) I formati di proiezione devono necessariamente essere inviati in formato DCP, Bluray o file video HD.

c) I film in lingua straniera destinati alla proiezione in sala, se non già muniti di sottotitoli in italiano, saranno presentati in versione originale con sottotitoli elettronici in italiano a cura del festival.

d) La Direzione del festival curerà la pubblicazione di un catalogo generale delle opere presentate.

Premi

Tutti i premi del festival verranno attribuiti alle registe delle opere vincitrici. Le sezioni competitive del festival prevedono i seguenti premi:

a) Premio miglior documentario internazionale: Il premio, accompagnato dalle relative motivazioni, sarà assegnato da una giuria composta da almeno tre membri nominata dalla Direzione del festival. Il giudizio insindacabile della giuria assegnerà un premio di 300,00 euro (euro mille/00) al miglior documentario internazionale.

b) Premio miglior documentario nazionale: Il premio, accompagnato dalle relative motivazioni, sarà assegnato da una giuria composta da almeno tre membri nominata dalla Direzione del festival. Il giudizio insindacabile della giuria assegnerà un premio di 300,00 euro (euro mille/00) al miglior documentario nazionale.

c) I produttori e i distributori, nonché gli addetti all’acquisto e alla vendita dei film premiati, si impegnano a riportare sul materiale pubblicitario (manifesto, cartella stampa, trailer, sito internet) la menzione del premio ricevuto al Festival. Il logo ufficiale dei diversi premi sarà fornito dal festival e non dovrà essere modificato in alcun modo senza l’autorizzazione del festival.

Regolamento generale

a) L’invio delle copie di proiezione delle opere selezionate dovrà avvenire entro il 30 luglio 2020.

b) Salvo accordi diversi, le copie di proiezione dei film selezionati provenienti dai paesi non appartenenti all’Unione Europea devono essere inviati via corriere con la dicitura “Senza valore commerciale. Solo per scopi culturali”. Il festival non accetterà spedizioni di film gravate da oneri doganali a proprio carico.

c) Autori e/o produttori rispondono del contenuto delle proprie opere e dichiarano, con l’iscrizione al concorso, di aver adempiuto ogni obbligazione nei confronti di terzi derivante da diritti d’autore.

d) I film selezionati, la cui disponibilità sia già stata confermata dagli aventi diritti, non possono essere successivamente ritirati dal festival per alcuna ragione. Nel caso in cui l’autore o la produzione decidano di ritirare la partecipazione di un film già incluso in programma verrà richiesto il pagamento della somma di 2.000,00 euro (euro duemila/00) a titolo di risarcimento danni.

e) La richiesta di ammissione al festival DocuDonna implica l’accettazione incondizionata del presente regolamento.

f) La Direzione del festival DocuDonna potrà prendere decisioni relative a questioni non previste dal presente regolamento.

en_US