EDIZIONE 2020

24 ottobre 2020 | Massa Marittima
27 novembre 2020 | Firenze

La seconda edizione di Docudonna si svolgerà in due giornate: il 24 ottobre a Massa Marittima e il 27 novembre a firenze, ospite del Festival Internazionale Cinema e Donna.

In questa pagina elenchiamo tutti i documentari in concorso nell'edizione 2020.

Nel corso dell'evento del 24 ottobre a massa marittima si terrà inoltre l'esposizione della mostraFace to Face” by Rikke Munkholm Laursen and the screening of the video about the artist “Artista della Terra”.

Guarda il trailer dell'edizione 2020

realizzato da: Cristina Berlini
Musica originale di: Guglielmo Eboli

LA GIURIA

DOCUMENTARI IN CONCORSO

SUPEREROI SENZA SUPERPOTERI
Beatrice Baldacci

CARNE
Camilla Kater

PAANI. Of Women and Water
Costanza Burstin

THE PRINCIPAL WIFE
Hester Overmars

OFF IDENTIKIT
Veronica Santi

LAATASH
Elena Molina

AMERICAN CHIMERA
Francesca Tosarelli e Fabio Bucciarelli

LA GIURIA

VALENTINA SIGNORELLI

Valentina Signorelli (PhD Film) è un'autrice, regista e produttrice transmediale italiana di base a Londra.

Come regista, si occupa di esplorare tematiche di migrazione e diaspora. Il suo primo film, "Anséra - Trace The Future" (2016) Il suo secondo documentario "Where is Europe?" (2017), vincitore di 5 premi internazionali. I suoi lavori sono stati proiettati in contesti e festival internazionali, incluso il prestigioso Festival di Venezia.

Insieme a Lorenzo Giovenga e Lorenzo Lazzarini, nel 2016 ha fondato Daitona, recentemente premiata come casa di produzione più innovativa di tutto il territorio nazionale. Attualmente, ricopre anche il ruolo di Senior Lecturer e Course Leader del BA Media and Communications di University of East London.

STEFANO ODOARDI

Stefano Odoardi è sceneggiatore, regista e artista visivo. Inizia la sua carriera nel mondo dell'arte visiva per poi dedicarsi prevalentemente al cinema nel 1999. Ottiene un master in Teatro e Arti performative ad Amsterdam, dove è circondato da maestri quali Peter Greenaway, Marina Abramovich, Bill Viola, Peter Sellars e Jan Fabre. Perfeziona i suoi studi cinematografici al Binger Film Lab, qui impara da tutor del cinema americano quali Mark Trevis e Molly Marlene Stensgaard, Judith Weston. Stefano ha girato diversi cortometraggi e lungometraggi, l'ultimo progetto è del 2020, "LA NUIT”. Il suo primo lungometraggio è "UNA BALLATA BIANCA", del 2007, presentato in numerosi festival nazionali e internazionali. Del 2014 è il lungometraggio MANCANZA-INFERNO, primo capitolo della "Trilogia della Mancanza", seguito da MANCANZA-PURGATORIO (2016) e MANCANZA-PARADISO, quest'ultimo in fase di produzione. Sono in corso inoltre le produzioni dei lungometraggi "DARK MATTER" e "STORIA DI UN RISCATTO”. Stefano Odoardi è anche un artista visivo, attività che continua a praticare parallelamente alla sua attività cinematografica.

STEFANIA MISCETTI

Stefania Maria Miscetti, architetto e gallerista, ha fondato nel 1989 l'omonimo Studio Stefania Miscetti, che grazie alla sua incessante attività di promozione dell'arte contemporanea, è riuscito ad affermarsi come una della principali istituzioni culturali radicate nel territorio romano. Ha invitato ad esporre a Roma grandi protagonisti della scena internazionale - tra cui Marina Abramović, Bizhan Bassiri, Doris Bloom, Alberto Di Fabio, VALIE EXPORT, Leon Golub, Alfredo Jaar, solo per ricordarne alcuni -Nel 2006 ha ideato SHE DEVIL, rassegna di videoarte al femminile giunta ormai alla dodicesima edizione.

Ha curato l'allestimento di Venezia, Venezia, padiglione cileno ideato da Alfredo Jaar per la 55esima Biennale d'Arte.

Dal 2012 è titolare della cattedra in "Allestimento di mostre" presso il Master of Art dell'università LUISS Guido Carli, nominata dal responsabile scientifico Achille Bonito Oliva.

IBTISAM MARA’ANA

Ibtisam Mara'ana è nata nel 1975 a Fureidis, un villaggio della classe operaia arabo-musulmana nel nord di Israele. Ha frequentato la scuola di cinema a Givat Haviva. Nel 2000 ha iniziato un programma di cinema e televisione nella sua ex scuola superiore di Fureidis. Nel 2003, Mara'ana ha fondato la Ibtisam Films per produrre documentari che indagano i vincoli della società palestinese e israeliana, con particolare attenzione alle donne e alle minoranze. Il suo lavoro esplora il genere, la classe, il razzismo e l'identità collettiva e individuale. I suoi film mostrano la situazione degli arabi palestinesi che vivono come minoranza all'interno di Israele, mentre allo stesso tempo criticano le pratiche profondamente radicate all'interno della società arabo-palestinese. Il suo lavoro è stato proiettato in televisione e nei festival di tutto il mondo. Mara'ana insegna in varie istituzioni educative, tra cui la Bezalel Academy of Art and Design di Gerusalemme. Parla regolarmente in università, organizzazioni e conferenze in tutto Israele e all'estero. È un'attivista femminista di spicco, e ha pubblicato numerosi articoli su giornali israeliani. Nel 2009, il giornale israeliano Haaretz ha nominato Mara'ana come una delle 10 donne più influenti in Israele.

Esibizione d'arte: FACCIA A FACCIA

dell'artista Rikke Laursen

24 ottobre, 2020 | Massa Marittima, Cinema Goldoni | 11.00 – 22.00

Rikke Munkholm Laursen, nata e cresciuta in Danimarca, ha
vissuto in Toscana per più di vent’anni. Dopo una formazione artistica in
disegno e pittura, inizia a trarre ispirazione dalla terra e dall’argilla, molto
presenti nell’intenso paesaggio toscano. Con questi materiali naturali
combina la bellezza e l’essenza della cultura italiana e di quella scandinava.
Nelle sue creazioni la semplicità delle linee nordiche è controbilanciata dalla
calda ricchezza dei materiali italiani. Il chiaroscuro, o l’effetto della luce
sull’oggetto, ha un ruolo importante. Le sue due aree di interesse, Terra Cotta e Terra Cruda, sono entrambe
fortemente ispirate alla ricchezza figurativa artistica e culturale della storia
italiana.

Le opere in terra cotta sono pensate come un contributo elegante e poetico
al contesto nel quale vengono collocate. La passione per la terra cruda
deriva la sua origine nelle tante opportunità che questo antico materiale da
costruzione offre.

Rikke crede profondamente nella forza dell’energia positiva e delle buone
intenzioni insite in ognuno. I suoi caratteristici volti in Terra Cruda mostrano
una particolare astrazione, così che tutti possano riconoscervisi e sentirsi
connessi con l’ecosistema naturale del quale facciamo parte.
La nozione di tempo e il bisogno di raggiungere la pace interiore trovano
espressione nelle sue opere. Combinando nelle sue sculture i concetti di “qui
e là” e quelli di “adesso e dopo”, l’artista tenta di risolvere queste tensioni
in maniera armonica in un unico oggetto.

Rikke è da poco impegnata nella sperimentazione della sabbia come terzo
materiale nel suo lavoro. I progetti aumentano di dimensioni e si radicano
più a fondo nel territorio, diventando parte del paesaggio per un periodo di
tempo ristretto. Il carattere di transitorietà conferisce un nuovo livello poetico
all’opera, che appare e scompare prima che possiamo rendercene conto.
Le opere in sabbia sono realizzate in collaborazione con l’architetto del
paesaggio olandese Bruno Doedens (SLeM.org).

Video: ARTISTA DELLA TERRA

(10 min/ The Netherlands-Italy/ 2020)

Rikke Munkholm Laursen, Bruno Doedens e Andras Hamelberg

rikke
it_IT
en_US it_IT